Bollo conto corrente e libretto risparmio

bollo-conto-corrente-2012Nella bozza del Decreto attuativo del MEF (Ministero Economia e Finanza) oltre ai chiarimenti sul bollo sui buoni postali sono presenti anche delucidazioni sull’applicazione dell’imposta di bollo sul conto corrente e il libretto di risparmio.

Ricordo che con il Decreto SalvaItalia si erano introdotte le seguenti novità:

  • l’assoggettamento al bollo dei libretti di risparmio per un importo di 34,2 euro annui, imposta già in vigore per i conti correnti
  • l’esenzione della tassa per giacenze medie annue inferiori a 5.000 euro
Il Decreto attuativo precisa ora meglio come applicare il bollo. Anzitutto viene eliminato il riferimento alla giacenza annua, ma si fa riferimento semplicemente alla giacenza del periodo (mensile, trimestrale etc) di rendicontazione con estratto conto. Il bollo sarà quindi parametrato al periodo, per esempio in caso di rendicontazione trimestrale sarà di 8,55.

Importante: scopri come ricevere gratuitamente la guida al bollo sui conti, buoni postali e depositi

Come si calcola la giacenza media sul conto

La novità più importante riguarda la modalità di calcolo della giacenza media del periodo in particolare nel caso la persona fisica sia intestataria di più rapporti. Per il calcolo della giacenza i saldi medi di tutti i rapporti (conti correnti e libretti di risparmio) facenti capo alla medesima intestazione, vanno sommati per determinare l’esenzione, salvo superino già i 5.000 euro. Non si applica il bollo e vanno però esclusi anche dalla sommatoria i conti con giacenza media negativa.  Chiarisco con alcuni esempi.

Esempi di calcolo del bollo sul conto corrente

Esempio 1
  • Conto corrente con giacenza media di 6.000 euro
  • Libretto risparmio: 3.000
Il conto supera i 5.000 per cui in ogni caso è soggetto a bollo. La somma dei saldi è 9.000, superiore al minimo di esenzione per cui anche sul libretto si paga il bollo

Esempio 2
  • Conto: 2.500
  • Libretto: 3.000
Presi singolarmente i saldi sono esenti ma la sommatoria dei rapporti supera i limiti, si paga quindi il bollo su ciascun rapporto

Esempio 3
  • Conto 1: -1.000
  • Conto 2: 2.500
  • Libretto: 3.000
Il conto 1 avendo giacenza negativa non è soggetto a bollo ma nemmeno è da considerare nella somma dei saldi. La somma delle giacenza su conto 2 e libretto è superiore alla soglia di esenzione per cui su entrambi i rapporti si pagherà il bollo

Esempio 4
  • Conto: 2.500
  • Libretto: 1.000
I singoli rapporti non superano la quota di esenzione e anche la somma dei saldi medi è inferiore a 5.000 €, per cui non si paga alcun bollo.

Preciso che la somma va calcolata sui rapporti (conti e libretti) con medesimo intestatario aperti presso lo stesso intermediario (banca, poste etc). La cointestazione quindi non si somma ad eventuali rapporti in capo ai singoli cointestati. Nel caso di libretti di risparmio al portatore (che comunque in base alla nuova legge non possono avere saldi superiori a 1.000 €) si considera intestatario la persona che ne ha richiesto l’emissione.

Si spera poi che le banche mettano, almeno online, la giacenza media del conto in modo da consentirci di valutare la nostra situazione ed evitare il pagamento del bollo.

Ricordo che con Conto Corrente Arancio o con YouBanking  (bollo pagato sul conto e anche sul dossier titoli  fino al 2015) non si paga in ogni caso l'imposta. Un’ottima soluzione visto che sono anche conti corrente a zero spese.

_____________________________________________________

EBOOK in omaggio: inserisci la tua email e iscriviti gratis:


Abbonati gratis ai feed RSS


Articoli correlati per categorie



3 commenti:

hammer ha detto...

accidenti una bella batosta per chi come me è intestatario di un conto bancoposta e di un libretto postale nominativo. Prima pagavo il bollo solo sul conto corrente, poi con le novità SalvaItalia avevo spostato il grosso sul libretto in modo da avere sul conto corrente una giacenza media inferiore ai 5.000 (sperando di continuare a pagare un solo bollo). Ora scopro che cmq pagherò due bolli :(

Anonimo ha detto...

Scusate ma se uno possiede Buoni postali, poi conto e libretto, si fa la somma di tutti e 3 i prodotti per il calcolo del bollo oppure i buoni postali sono a parte (con bollo applicato al momento del rimborso)?

BdR ha detto...

ti ho risposto qui http://banca-del-risparmio.blogspot.it/2012/06/risposte-sui-bolli-sul-conto-e-sui.html

Posta un commento